Archivi

CACEB

Il C.A.C.E.B. (Coordination des Activités du Commerce Equitable au Bénin) è la prima struttura di coordinamento dei produttori di commercio equo nata in Benin‚ con sede a Cotonou. E’ stata fondata dai gruppi che collaborano con Equo Mercato e il suo statuto comprende i seguenti obiettivi:
 1. Migliorare le condizioni di vita dei soci attraverso la valorizzazione del loro lavoro.
 2. Assicurare l’effettiva partecipazione dei soci a tutte le attività della cooperativa.
 3. Migliorare le capacità produttive dei soci offrendo loro assistenza‚ formazione e supporto per lo sviluppo dei prodotti e delle vendite.
 4. Promuovere nell’ambito della propria attività lo sviluppo del commercio equo e solidale.
 5. Assicurare ai propri soci il pagamento di un prezzo equo per i loro prodotti‚ che permetta condizioni di vita dignitose.
 6. Assicurare le stesse opportunità di lavoro e di partecipazione alle decisioni di tutti i soci‚ senza distinzione di genere e di religione.
 7. Contribuire al miglioramento delle condizioni di lavoro per tutti i lavoratori coinvolti.
 8. Assicurare ai minori coinvolti nella produzione condizioni e tempi di lavoro adatti alla loro età e alle loro esigenze di studio e di gioco.
 9. Promuovere il rispetto dell’ambiente favorendo l’uso di materie prime ecologiche quando possibile.
 
ARTI SAVON
La Cooperativa si trova alla periferia di Cotonou ed è nata nel 1992 da un gruppo di donne che hanno deciso di uscire dalla disoccupazione avviando la produzione di sapone naturale a un prezzo accettabile da tutti. L’idea ha avuto successo e ora il gruppo è costituito da dodici donne e tre uomini. Il sapone viene prodotto versando in una grande cisterna olio di palma e di cocco‚ burro di Karitè‚ soda caustica e essenza di citronella e mescolando il tutto a caldo‚ secondo il metodo tradizionale per la lavorazione del sapone di Marsiglia. L’obiettivo della cooperativa è valorizzare il ruolo della donna all’interno della società perchè riesca ad essere economicamente indipendente dall’uomo. Nel progetto sono state coinvolte molte donne dei villaggi limitrofi che forniscono le materie prime.
 
 
 
 
A.T.P.
(Association Terre Promise)
E’ una ONG con sede a San Popo‚ che collabora in talia con Mani Tese. Il programma di A.T.P. è legato soprattutto a corsi di animazione agricola tenuti in una ventina di villaggi. Il traguardo più importante raggiunto dall’associazione è la commercializzazione all’estero di prodotti agricoli come l’olio di palma e l’olio di cocco‚ utilizzati come materie prime nella produzione di prodotti di cosmesi.
 
ACOTEMAZ
(Association des corps de Tentures murales d’Abomey‚ Zou) 
E’ l’associazione degli artigiani “tenturiers” di Abomey. La tecnica della “tenture” era usata dagli artigiani della corte del regno di Danhomè per realizzare composizioni di forme semplificate‚ ritagliate su stoffe dalle tinte decise e contrapposte‚ cucite su un telo di un unico colore. E’ una delle forme espressive più tipiche della cultura del Benin‚ un tempo utilizzata come forma di comunicazione in una cultura priva di scrittura. Ai tradizionali simboli dei re del Danhomè ora gli artigiani hanno aggiunto raffigurazioni di villaggi‚ paesaggi e animali realizzate sempre con la stessa tecnica. L’associazione è stata costituita nel 1996 ed è formata da 85 artigiani che lavorano in piccoli laboratori nel cortile‚ ora ristrutturato‚ dell’antico palazzo reale di Abomey. Scopo dell’associazione è promuovere i prodotti degli artigiani e mantenere viva la tradizione della tenture.
 
 
 
ATELIER BON ACCUEIL
L’associazione è entrata a far parte del Caceb nel 2006‚ durante un viaggio missione di Equo Mercato. La struttura è costituita da un centro dove lavorano circa 30 donne‚ in genere ragazze madri o vedove con bambini. Il lavoro è diviso tra due laboratori‚ uno di stampa su tessuti con tecnica batik e uno di sartoria‚ dove vengono realizzate tovaglie‚ borse‚ porta penne‚ abbigliamento per bimbi‚ bambole ecc. La stoffa di cotone grezzo viene acquistata in una fabbrica di Cotonou‚ così come la gomma piuma e gli altri materiali. I prezzi di vendita vengono decisi di comune accordo dalle ragazze.
 
TEBENIKETE’ 
La cooperativa ha sede a Natitingou‚ nel nord del Benin‚ dove la foresta tropicale lascia il posto alla savana e dove vive l’etnia Somba. Ottocento donne‚ socie della cooperativa‚ lavorano sottilissimi fili d’erba essiccati e con immensa pazienza li intrecciano dopo averli colorati con prodotti naturali‚ componendo splendide collane‚ braccialetti‚ orecchini e altri monili. La cooperativa Tebeniketè‚ che in lingua Somba significa “i migliori gioielli in erba”‚ è nata per conservare un lavoro tradizionale che rischiava di scomparire e per creare occupazione nei villaggi‚ soprattutto per le donne. Con la vendita di questi monili la cooperativa ha creato una struttura di microcredito per i soci e ha potuto realizzare tre centri di accoglienza e di formazione scolastica a prezzi popolari che ospitano 140 ragazzi che così possono frequentare le scuole‚ solitamente molto lontane dai villaggi.
 
E.J.T. BENIN
E’ un gruppo organizzato di bambini e ragazzi lavoratori‚ membro del M.A.E.J.T. e supportato dall’associazione AFA.
AFA (Association Femmes Amies) è un’associazione di volontari che opera per fornire assistenza e formazione ai bambini e adolescenti lavoratori nei mercati di Cotonou‚ la capitale del Benin. Il loro intervento si estende ai villaggi da cui i ragazzi vengono prelevati‚ cercando di educare i genitori in modo da mettere fine alla tragica pratica della tratta dei bambini. I ragazzi organizzati in piccoli gruppi hanno accesso a una formazione di base e producono piccoli oggetti di artigianato che AFA esporta attraverso il C.A.C.E.B.
 
 
Il M.A.E.J.T. (movimento africano dei bambini e giovani lavoratori) è nato negli anni ’90 e opera in 24 paesi dell’Africa con programmi di alfabetizzazione‚ formazione e sensibilizzazione sui diritti e assistenza sanitaria e legale. Tutti i progetti sono gestiti con la diretta partecipazione degli E.J.T.‚ i bambini e i giovani lavoratori. Obiettivo del movimento è migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei ragazzi e ottenere il riconoscimento del loro ruolo economico e sociale nella comunità.
Sito Internet: http://www.enda.sn/eja/
 

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

XOCHIQUETZAL

Xochiquetzal è una organizzazione non governativa senza fini di lucro nata nel 1991 a Città del Messico‚ con lo scopo di promuovere e commercializzare la produzione degli artigiani messicani‚ soprattutto nel circuito del Commercio Equo e Solidale. La produzione coinvolge più di 800 famiglie‚ organizzate in cinque gruppi e una quarantina di laboratori a conduzione famigliare‚ sparsi in otto stati della federazione messicana‚ che utilizzano diversi tipi di materie prime (vetro riciclato‚ ceramica‚ tessuti‚ carta‚ pietra‚ legno). Xochiquetzal‚ oltre a fornire agli artigiani la struttura commerciale e garantire un giusto prezzo dei prodotti‚ organizza corsi di formazione per far crescere la capacità di autogestione dei singoli gruppi e promuovere l’espressione delle culture indigene. Alla fine degli anni 90 la Xochiquetzal ha avuto una forte decrescita per la vendita dei prodotti. Attualmente la sede si è spostata da Città del Messico a Cuernavaca e lavorano con una ventina di tailleres familiari. Organizzano corsi‚ in particolare per le donne‚ per il recupero del lavoro artigianale con la finalità di creare opportunità di lavoro e fermare le emigrazioni verso gli Stati Uniti .

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

UNION PROGRESISTA ARTESANAL

Nello stato del Guerrero da decenni la lavorazione dell’argento‚ del nikel e della madreperla è la principale attività economica. La Union Progresista Artesanal nasce dalla necessità di una struttura democratica che promuova la produzione artigianale della zona‚ migliorando la qualità‚ studiando nuovi modelli e curando direttamente la vendita. I soci sono 40‚ sparsi nei villaggi di Huamuchil‚ Taxco el viejo e Progresso. I loro laboratori sono le case in cui abitano e le attrezzature sono spesso inadeguate. Molti disegni e decorazioni riprendono antichi motivi della tradizione precolombiana‚ mentre altri si adattano più al gusto moderno. L’Union Progresista vuole innanzi tutto aiutare le comunità ad uscire da una situazione di isolamento e di sottosviluppo e collabora al miglioramento dell’educazione popolare contribuendo alla costruzione di nuove scuole‚ organizzando incontri informativi per la nascita di altri gruppi di artigiani e corsi di formazione per i rapporti fra famiglia e comunità. Upa ha la struttura di Cooperativa‚ la sede è nella città di Taxco . Qui la lavorazione dell’argento è la principale attività economica‚ visto che questa regione un tempo era un centro per l’estrazione dell’argento: oggi le miniere sono esaurite e la polvere d’argento viene importata da altre città sempre in Messico. Ancora oggi la lavorazione dei gioielli è rimasta la principale attività. Le prime importazioni per Equo Mercato risalgono al 2003. La finalità e l’obiettivo della cooperativa sono di migliorare la qualità della vita dei soci‚ studiare nuovi modelli e sviluppare la ricerca di nuovi mercati.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

HAITI GLI ARTISTI DEL FERRO

Ad Haiti‚ nella capitale Port au Prince‚ esiste un quartiere di Artisti del Ferro‚ Noailles. Pierre Cloude è socio di una cooperativa che raggruppa circa 80 diversi produttori di sculture in ferro battuto: ogni socio paga una quota mensile e i soci si riuniscono almeno una volta al mese. Nelle loro botteghe trasformano i materiali di scarto in arte. La tradizione del ferro battuto ha origine negli anni ’50-’60 dall’idea di un lavoratore delle ferrovie che ha iniziato questa attività‚ che si è sviluppata nel corso degli anni: Pierre Claude ha 28 anni ma è fin da bambino che lavora il ferro battuto. I prodotti‚ realizzati con lamina di metallo ritagliato dai bidoni di petrolio‚ sono battuti e incisi manualmente attraverso la tecnica a sbalzo. Raccolti ai margini degli aeroporti o d’insediamenti industriali‚ i bidoni sono portati prima sul tetto dei taxi collettivi (tap tap) e poi sulle spalle‚ fino alla loro ultima destinazione. Il processo di lavorazione prevede che i bidoni siano scoperchiati sopra e sotto‚ tagliati lateralmente per tutta la loro lunghezza e bruciati al fine di eliminare la vernice e rendere il metallo più facilmente lavorabile. Poi l’artista sale mani e piedi sulla piastra e l’appiattisce di peso. Tale lamina grezza è poi martellata e levigata più volte‚ attuando un processo in cui psicologicamente l’artista si appropria progressivamente del metallo che trasforma con le sue mani in una materia plastica pronta a prendere le forme che gli suggerisce la sua creatività. Alla prima lavorazione seguono diverse fasi di rifinitura che sono svolte da uno o più aiutanti‚ e infine il cesello e la rifinitura ultima che sono fatti dall’artista.

Gli artigiani vendono in piccola parte direttamente nel mercato locale‚ soprattutto ai cooperanti internazionali‚ dato che non c’è molto turismo‚ e ad altri commercianti locali. La maggior parte delle vendite però si concretizza all’estero‚ in particolare negli Stati Uniti‚ in Francia e in Italia tramite Equo Mercato.

Salvo un’unica donna che si occupa di fare i disegni sul ferro‚ tutta la lavorazione viene effettuata da uomini‚ tutti maggiorenni‚ che vengono chiamati in base alle esigenze di produzione‚ si va da un minimo di 5 fino ad un massimo di 20 lavoratori che non hanno particolari situazioni di disagio sociale se non quella di vivere ad Haiti in condizioni di semipovertà. Solitamente lavorano dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17‚ mentre nei periodi di picchi di produzione possono lavorare anche il sabato e la domenica.

Per fare una scultura come un albero della vita di circa 50cm di diametro‚ sono necessarie circa 12 ore di lavorazione.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

COG-QUICAB

Cog Quicab‚ che in lingua maya significa “mani unite”‚ è il nome di una cooperativa‚ costituita da gruppi d’artigiani che producono oggetti di legno e pupazzi di stoffa. Cog Quicab è nata con il sostegno di Pax Christi e Caritas El Salvador e lavora ora con l’equipe di servizi per le comunità di base che coordina molteplici attività‚ tra le quali le biblioteche comunitarie di base‚ la promozione del lavoro femminile e la creazione di una Casa della Pace per i campesinos. I laboratori artigianali‚ tutti gestiti da piccoli gruppi di 10-15 artigiani‚ hanno sede a San Salvador e in alcune zone rurali particolarmente svantaggiate. Da qualche anno Cog Quicab fa parte della Rete nazionale di Commercializzazione Comunitaria (RENACES)‚ che si propone di creare un mercato giusto e solidale che porti vantaggi sia ai produttori che ai compratori e riesca a incidere sulle politiche economiche del paese‚ cercando alleanze con diversi movimenti della società civile.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

CALAPUJA

Calapuja è un piccolo paese sulla sierra‚ a 3850 metri s.l.m.‚ sul percorso che dal lago Titicaca porta alla leggendaria Cusco. La gente è dispersa sulla sierra sconfinata: 500 persone nel piccolo centro e 15mila disseminate sull’altopiano. Qui un gruppo di donne “di lana‚ tessuti e colori”‚ come loro stesse si definiscono‚ ha cominciato ad organizzarsi fondando la ARTESANIA CALAPUJA. Si trovano ogni giorno sul piccolo sagrato della Chiesa portando con sè i ferri del mestiere e si siedono a lavorare: si sono specializzate nella produzione di piccoli indumenti di lana‚ cappelli‚ sciarpe‚ calze‚ guanti‚ maglioni. 
Chiedono che i loro lavori siano valorizzati‚ di potere avere una sede dove incontrarsi‚ di potere disporre di telai per tessere; dichiarano il bisogno e il diritto di sognare un domani migliore per sè e le proprie famiglie‚ credono che si possano creare le condizioni per impedire che i propri ragazzi un giorno salgano su un pullman e spariscano‚ attratti dal sogno amaro e senza speranza della grande metropoli. Grazie all’accesso ai canali del commercio equo in Italia i risultati delle vendite sono buoni e il numero delle donne in meno di un anno è quasi raddoppiato. Con i guadagni hanno potuto acquistare un primo telaio con il quale altre donne potranno iniziare un’attività artigianale nuova: la tessitura. Così altre famiglie potranno avere un’entrata che renderà un pochino meno dura la loro vita.

Hanno anche organizzato in paese l’accoglienza per viaggi di turismo responsabile.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

AYNI BOLIVIA

Prodotti tipici boliviani. Ceramiche e prodotti in alpaca.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

MAI HANDICRAFTS

Ctm altromercato importa da Mai Handicrafts oggetti in ceramica, bambù, bigiotteria e tessili. Gli artigiani che realizzano questi prodotti hanno a loro volta imparato grazie ai percorsi di capacitazione offerti da Mai Handicraft, oppure sono membri delle etnie del Sud che tradizionalmente sono esperte in particolari settori, come quello tessile praticato dalle tribù Cham e Ma.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

CRAFT LINK

Craft Link è stata formata nel 1996 e si occupa di sostenere i gruppi di artigiani svantaggiati in Vietnam. Per fare questo supporta la produzione artigianale, nello sviluppo prodotti e nel marketing, al fine di aumentare le entrate e di migliorare lo standard di vita dei produttori. Una parte importante dell’azione di Craft Link è rivolta al rafforzamento del ruolo della donna nelle aree del progetto. Craft Link lavora con 50 gruppi di produttori presenti in tutto il Vietnam coinvolgendo nelle sue attività oltre 5.000 produttori.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

UGANDA CRAFTS 2000

Uganda Crafts 2000 è un’organizzazione nata da una donna e con una forte presenza di artigiane donne. Dagli inizi nei primi anni ’80 l’organizzazione ha sempre creduto nel valore del lavoro, con particolare attenzione verso le fasce deboli della popolazione ugandese come persone disabili, donne vedove,  ragazze madri, orfani e persone sieropositive o malate di AIDS. Molte donne lavorano a casa perché tradizionalmente in Uganda l’artigianato è un’attività svolta dalle donne quando hanno terminato le faccende domestiche. Uganda Crafts incoraggia le artigiane ad unirsi in gruppi, in modo da poter accedere ai progetti governativi che finanziano gruppi di donne.

Chico Mendes Altromercato dal 1990 sostiene i produttori del commercio Equo e Solidale in tutto il mondo.

I prodotti di questo progetto si possono acquistare nelle Botteghe Chico Mendes Altromercato oppure tramite il nostro sito e-commerce.

  • News

    • routine viso – ora in promozione

      Scegli il tuo trattamento viso per affrontare l’inverno Ottieni il 15% di sconto acquistando almeno 2 prodotti per il viso di Natyr. Acquistando online su webshop.chicomendes.it hai il 15% su tutti i prodotti viso. Promozione valida dal 15 ottobre al 1 novembre 2020 in tutte le botteghe. Scegli la linea più adatta a te: IBISCO … Continua la lettura di routine viso – ora in promozione

    • consumi o scegli?

      Esiste un caffè che non è amaro per chi lavora? Sì, esiste un caffè unico per qualità, buono per chi lo coltiva, per chi lo beve e per il pianeta: è il “caffè manifesto” di Altromercato.Una miscela 100% biologica di arabica lavata, proveniente da Perù, Nicaragua e Messico, dove viene coltivata in altura; macinato per … Continua la lettura di consumi o scegli?

    • Kiwi verdi biologici: prenota la tua cassetta

      Sono in arrivo i kiwi verdi e biologici dalla Calabria Prenota la tua cassetta dall’1 al 23 ottobre e ritirala la prima metà di novembre in bottega Questi buonissimi kiwi sono prodotti da Le Terre di Zoè, una delle aziende della rete Calabria Solidale, da sempre sinonimo di legalità e sostenibilità umana e ambientale. 1 … Continua la lettura di Kiwi verdi biologici: prenota la tua cassetta